Seconda mano, moda o sostenibilità?

Finalmente più o meno tutti abbiamo capito che la filosofia usa-e-getta è costosa e poco sostenibile per il nostro pianeta. In questo articolo parleremo in particolare di fast fashion e di come pian piano stiamo tornando a fare shopping in modo più intelligente.

Cos’è la fast fashion

Treccani definisce la fast fashion come “Capacità di alcune aziende di immettere sul mercato un prodotto in tempi molto brevi”.

La velocità di produzione rappresenta una grossa piaga sociale e ambientale oltre che economica.
Come sempre un prodotto a basso costo nasconde dietro di sé sfruttamento della manodopera, scarsa qualità delle materie prime e processi di produzione molto inquinanti.

Un’altra piaga è lo smaltimento dei capi invenduti: i brand di fast fashion cambiano spesso le collezioni e i capi invenduti finiscono direttamente in discarica.

Second hand

I brand di fast fashion sono noti a tutti e per arginare questo problema molti (soprattutto giovani) stanno tornando alle “vecchie e sane” abitudini delle nostre nonne: dare una nuova vita ai vestiti.

I vantaggi di comprare usato sono molti:

  • Capi economici
  • Economia circolare
  • Non finanzia l’industria fast fashion
  • Spesso si trovano capi confezionati a mano (e quindi unici)
  • Spesso i capi vintage, sono di alta qualità

Grazie a questa nuova tendenza, sia i mercatini sia i negozi vintage sono tornati in auge, ritagliandosi una fetta di mercato composta anche da ragazzi.

Sono proprio questi ultimi ad avere molto a cuore il problema dell’impatto delle nostre azioni sul pianeta, mostrando sui social alcune abitudini sostenibili come l’acquisto di seconda mano.

Su blog e social che trattano questo tema, ci sono diversi consigli sui migliori mercatini, negozi, app e anche su come poter riciclare in modo creativo capi molto rovinati.

In conclusione possiamo affermare che è vero che la “seconda mano” è diventata una tendenza, ma è sicuramente una tendenza economica e sostenibile da seguire assolutamente!

 

Per altri aggiornamenti seguiteci sui nostri canali social FacebookInstagramPinterest e Twitter!

Fonte: Grazia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.